Home » 2015 » marzo

E con “Bologna Bel Lavurìr” si visita il bello della città

E con “Bologna Bel Lavurìr” si visita il bello della città

C’è un pullulare di turisti, una crescita di interesse storico culturale di Bologna. E pullulano anche le viste guidate per conoscere la città. Per questo motivo è stato ideato un…

Un bel grill e passa la paura

Guarda come sono bella, così parlò Zarathustra

Guarda come sono bella, così parlò Zarathustra

Col cavolo che è il cuore lo specchio dell’anima. E’ Facebook, altro che storie. Basta andare lì e si capisce tutto. Quando non conosci bene qualcuno e quel qualcuno ti…

Il meraviglioso mondo di Gianni e Megghy

Alla mattina quando mi sveglio scendo le scale (ho la camera al piano di sopra) e Gianni Stoppani è lì che mi aspetta, accanto alla porta, puntuale. Vado a fare…

Un po’ sghembo, diagonale come può essere il lunedì

In certe giornate di nebbia, anche a marzo, dove c’è un autunno inaspettato, improbabile ma palpabile ci sono alcune cose che ti possono fare molta compagnia. Sono alla rinfusa come…

Dopo il papà prepariamoci alla Festa dell’Idraulico

Dopo il papà prepariamoci alla Festa dell’Idraulico

Allora. Pullula di feste di qualcuno. Festa della Mamma, Festa del Papà, eccetera. Ci siamo inventati anche Halloween che è una roba anglosassone che fino a ventanni fa non esisteva…

La tre giorni a casa di Lucio, leggeri come una canzone

Molti hanno parlato della tre giorni a casa di Lucio. E molti anche allineandosi a quello che è un carattere tipico dei bolognesi: “soccia dumaròn con Lucio Dalla”. Come Pupi…

Chi ha inventato le confezioni inapribili non sta bene e va curato

Chi ha inventato le confezioni inapribili non sta bene e va curato

Chi sono? Chi sono quegli uomini che un giorno hanno deciso che certi oggetti da comprare, dovevano essere imballati in quel modo? Chi sono quelli che nell’ombra osservano i comuni…

Il guaio delle mostre è che si passa la parola (e non viene più ridata)

Il guaio delle mostre è che si passa la parola (e non viene più ridata)

Per vedere una mostra oggi è fondamentale andarci quando non c’è l’inaugurazione. Va bene quasiasi altro momento ma quello no. Perché? Semplice. Perché all’inaugurazione c’è qualcuno che all’inizio parla. E…