Home » 2016 » aprile

Quelli che vanno alla posta per attaccare un bottone

Quelli che vanno alla posta per attaccare un bottone

E’ inutile girarci tanto intorno perché la cosa è molto evidente: c’è gente che va all’ufficio postale a fare due chiacchiere. Anche in banca. Alla posta è meglio, chissà perché.…

“Vuole un sacchettino?” Si ma dopo dove lo metto?

“Vuole un sacchettino?” Si ma dopo dove lo metto?

E’ la chiusura del cerchio, il finale naturale, la domanda necessaria, imprescindibile, il riassunto che riunisce, che agglomera, che fa titoli di coda, che conclude: “Vuole un sacchettino?”. La domanda…

Quelle badanti che imparano al volo i modi bolognesi

Quelle badanti che imparano al volo i modi bolognesi

Si assiste a un fenomeno antropologicamente formidabile. Avete presente le badanti? Inequivocabili, riconoscibili, localizzabili, in qualsiasi situazione. Si cammina per strada e la badante la vedi subito, la riconosci dal…

‘Sono una signora di classe’ e intanto rumina una cicles

‘Sono una signora di classe’ e intanto rumina una cicles

Una donna bella, elegante, vestita bene, scarpe di classe, capello a posto, bella, lineamenti fini. Ecco, lineamenti fini se non stessa masticando in maniera spaventosa una cicles, una gomma, un…

Eraldo Pecci e il Festival di Cattolica

Perchè l’uomo quando si sposa diventa solo “mio marito”?

Perchè l’uomo quando si sposa diventa solo “mio marito”?

L’uomo è difficile che lo faccia. Anzi, alle volte, maldestramente, nasconde la fede con la scusa che gli si è ingrossato un dito. Non dice quasi mai: “Mia moglie”, se…

“Lei deve fare il giro…”, e se dopo poi mi perdo?

“Lei deve fare il giro…”, e se dopo poi mi perdo?

E’ una cosa di cui avevamo già avuto vaghe percezioni in passato. Ma oggi è diventata ancora più attuale. Per raggiungere qualsiasi metà, lontana o vicina che sia, bisogna “fare…