Allarme, c’è un Innamoratore che insidia per strada le nostre donne!

Bologna continua ad essere sconvolta da problemi e preoccupazioni. La sicurezza ormai non c’è più e si fa fatica a percorrere con serenità le nostre strade e le nostre piazze. E’ notizia di questi giorni che un misterioso individuo si aggira nella zona di piazza Aldrovandi e via Guerrazzi. Saluta le persone, offre fiori alle signorine, chiede permesso se entra in un negozio affollato, aiuta ad attraversare persone che hanno problemi di deambulazione ed è sempre sorridente. Soprattutto, e questa è la cosa che fa più paura, si avvicina alle donne sole e cerca cortesemente di attaccare discorso, tenendosi a due metri di distanza e usando un modo educatissimo e assolutamente non aggressivo. Sono state già avvisate le forze dell’ordine che hanno aperto la caccia. E’ stato rinominato “L’Innamoratore di piazza Aldrovandi” nel senso che molte ragazze si sono innamorate di lui dopo pochi minuti. Non si conoscono al momento i danni che l’uomo potrebbe fare in futuro, si sa solo che la zona adesso è ad alto rischio e la polizia consiglia di uscire di casa il più possibile. “Ma come”, ha obiettato qualcuno. “Sì, perché fareste bene ad incontrarlo, tutti”, hanno risposto. Brividi di terrore corrono lungo la schiena delle persone che sono costrette a transitare da quelle parti. Un uomo educato! Gentile! Come si può fare per fermarlo? Sono state già istituite delle task force cittadine per catturarlo. Intanto le forze dell’ordine possono solo contare sulle testimonianze delle vittime, perché di vittime nel vero senso della parola si tratta, avendo risposto a un buongiorno o avendo accettato il fiore che lui porgeva. Del resto come si fa oggi come oggi, con le cose che si vedono in giro, fidarsi di una persona gentile e cortese? C’è paura, la gente gira lungo i muri temendo di incontrarlo. Una signora sulla quarantina afferma di averlo visto ieri pomeriggio a Borgo Panigale raccogliere un cellulare caduto a un ragazzo e corrergli dietro per ridarglielo. Dice che tutti sono inorriditi e sono scappati via. Le hanno chiesto le forze dell’ordine chiamate urgentemente come aveva fatto a capire che era lui. Lei ha risposto: “Dall’identikit mi sembrava”. Quando le hanno comunicato che non era stato diramato nessun identikit la signora ha risposto: “Soccia mi avete beccato, me lo sono inventato”. E’ psicosi Innamoratore. Il soggetto, che la questura definisce di media statura, normale, castano, senza nessun segno particolare, occhi normali, faccia normale, è stato avvistato da una coppia di fidanzatini a Bankog, ma anche in una coda a Disneyland Paris e al mercato di Molinella mentre comprava della frutta. Segno che si muove molto velocemente, per essere poco localizzabile. In tutti e tre i casi ha detto: “Buongiorno, scusate”, e la cosa ha fatto sì che fosse immediatamente riconosciuto. Non si è più sicuri. Fra gli avvistamenti c’è anche quello di una ragazza che sostiene di essere stata aiutata da lui a rialzarsi dopo essere caduta rovinosamente in bici sui lastroni di via Santo Stefano. Non si è più sicuri di essere mandati a quel paese, o insultati, o ignorati. Pare, ma non è sicuro, che l’Innamoratore abbia telefonato a Vespa chiedendo gentilmente di non essere invitato. E’ stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Il Tg1 ha aperto così: “E’ terrore!”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *