“Deve venire il tecnico”
Ma poi viene o non viene?

43306822-beautiful-housewife-looking-at-male-worker-repairing-refrigerator-in-kitchen-room

Ferramenta del centro. “Avete un termosifone elettrico che devo scaldare una mansarda?”. “Vado a vedere”. Il commesso va di là nel retro, poi torna e dice: “Li abbiamo finiti, devono arrivare”. Negozio di arredo bagno: “Avete un telo da doccia di plastica di quelli con le anelline scorrevoli?”. “Aspetti che guardo”. L’addetto torna e fa: “Al momento non li abbiamo, ma devono arrivare…”. Ma perché c’è sempre qualcosa che deve arrivare. Deve arrivare sempre una cosa che non si sa quando arriva. Ne da dove. Anche perché il termine “deve arrivare” è vago. Se chiedi quando, la risposta è quasi fissa: “Ah il rappresentante dovrebbe essere qui la prossima settimana”. E’ un mondo in cui le cose devono arrivare la prossima settimana. Ma si sa poi come va a finire. Dopo una settimana: “Ah guardi non si è visto il rappresentante. Riprovi la prossima”. Il deve arrivare cade nel vuoto. Molte cose poi non sono mai arrivate e allora la domanda è: qual è il luogo in cui vengono depositate le cose che devono arrivare ma che non arrivano? Probabilmente si tratta di un mega magazzino galattico, con tutte le cose del mondo che forse si prossimo comprare in saldo a pochissimo, visto che sennò stanno lì nel loro stato di cose “non arrivate”. Il “deve arrivare” è quasi un concetto mitologico perché non si sa da dove, in che modo, se da una terra sconosciuta o meno e infatti, quasi sempre, non le si vedono mai nemmeno arrivare queste cose. Quando arrivano sono già arrivate. A che ora arrivano di solito? Di Notte? Dal retro? Ma attenzione che il “deve arrivare” vale anche per le persone e soprattutto per la figura dei tecnici. Esempio: vedi un angolo di casa di un tuo amico con tutti i fili elettrici fuori dal muro che pendono, tu chiedi come mai e lui subito risponde: “Deve venire il tecnico”. Non funziona la caldaia per cui l’appartamento è al freddo? “Deve venire il tecnico”. Si è intasata una fogna in cortile e c’è tutto il cortile allagato? “Devono venire i tecnici”. C’è una cabina dei contatori aperta con un contatore smontato che pende nel vuoto? “Deve venire il tecnico a finire e a chiudere”. Nella nostra vita quotidiana c’è sempre un tecnico che deve venire. Il problema è che non sempre viene. La percentuale in cui poi viene davvero, è quasi sempre molto bassa. Il più delle volte il tecnico non viene proprio. E perché non viene non si sa. Dove va? E soprattutto da chi va? Un mondo costellato di interventi che rimangono appesi a metà, non finiti. Perché? Perché si cominciano i lavori (anche quelli stradali), poi per un mese trovi il bucanazzo sulla strada aperto, tutto transennato e non c’è anima viva. “Devono venire…”. Ma devono venire quando che non si passa e c’è la fila di chilometri? Esempi pratici moltissimi in città. C’è una voragine fra la recinzione dei giardini e la strada che è lì come uno scavo di Pompei ferma da un mese. Con le auto smadonnanti perché per fare cinquanta metri ci vuole un anno. Ma…“devono venire”, così dicono. Devono venire sta minchia che continuano a non venire. Insomma ci si muove in una dimensione di cose non finite, di cose che devono arrivare nei negozi, di tecnici che devono venire, a casa o dove serve. Un rimando perenne. Forse ci vorrebbe un’agenzia apposita, un gruppo che si mette insieme, una grande organizzazione che va a finire tutto quello che è stato cominciato. Tu li chiami e dici che la tal cosa deve arrivare. E loro, in qualche modo, la fanno arrivare. Sono dotati di una moltitudine di tecnici che, semplicemente, vengono. Appena un tecnico “deve venire” e non viene tu li chiami e lui arriva. Si presenta proprio così: “Sono il tecnico che viene”. E tu gli fai fare il lavoro. Resta il insoluto mistero su dov’è adesso e cosa sta facendo il tecnico che doveva venire.

 

2 Responses to “Deve venire il tecnico”
Ma poi viene o non viene?

  1. Beppe Rispondi

    9 novembre 2017 at 19:56

    Questo è l’articolo su chi sdidazza gli occhiali, c’è un errore!!!

    • giorgio.comaschi Rispondi

      9 novembre 2017 at 22:52

      Messo a posto. Grazie della segnalazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *