E Bologna abolì le frecce in macchina

E’ ufficiale. Bologna ha sancito definitivamente una grande novita` nelle regole del codice della strada: l’abolizione totale della freccia. Come si sa la freccia, vecchio e desueto modo di indicare che un mezzo di locomozione sta per svoltare a destra o a sinistra, era stata usata con grande solerzia dagli automobilisti e dai motociclisti fino a un paio di anni fa. Ora, dopo i sempre piu` frequenti esperimenti di non usarla piu` e di vedere cosa succedeva per esempio girando  improvvisamente a destra, la freccia e` stata ufficialmente bandita. Il bolognese per primo in Italia ha capito che e` un orpello inutile, senza alcun senso. Siccome si e` radicato sempre di piu` il concetto che ognuno che guida e sta sulla strada e` da solo (la straordinaria notizia dell’esistenza degli altri non è stata mai comunicata), quale bisogno mai avrebbe di dover esternare l’intenzione di imboccare una strada laterale o di accostarsi per parcheggiare? Diventerebbe un esercizio di stile inutile, fuori tempo, lezioso e addirittura fastidioso anche solo come gesto. Avevano cominciato a proporre la novita` della guida senza freccia le signore a bordo dei Suv che non potendo usare le mani per fare tutto e cioe` contemporaneamente guidare, telefonare, controllare l’Ipad, truccarsi, fumare, hanno eliminato dai gesti quello di mettere la freccia. La cosa ha avuto subito una grande successo, soprattutto fra i ciclisti e i pedoni che sono stati costretti cosi` a prestare piu` attenzione e ad essere concentrati meglio sul valore della vita e sui concetti di sopravvivenza. L’area in cui sono stati svolti questi primi esperimenti e` stata quella nei pressi delle scuole elementari, soprattutto in via Dante davanti alle Carducci, dove anche gli autobus hanno potuto fare felicemente pratica della nuova regola provando l’”inchiodata veloce”, capacita` che ogni guidatore d’autobus deve possedere. Gli uomini piano piano hanno seguito la tendenza e ora il gioco e` fatto. Del resto e` molto piu` comodo no? Se io sono in auto e ho davanti uno che procede spedito, piu o meno alla mia velocita` e` ovvio che debba pensare che improvvisamente girera` a destra o a sinistra con uno scarto secco. Se non lo fa, cioe` non gira, bisognera` a quel punto davvero suonargli il clacson in maniera irritata perche` si svegli, magari urlando dal finestrino: “Oooou! Allora! Vuoi girare o no senza mettere la freccia, cosa aspetti, ismito!”. E anche lui cosi` sara` piu` attento e non si scordera` di voltare. Quindi basta. E’ il nuovo che avanza. Non ci saranno piu` quelle brutte urla sguaiate dal finestrino: “La frazzzaaaaaa!” che erano cosi` poco estetiche anche da un punto di vista acustico.  Pare che verranno addirittura prodotte auto d’ora in avanti che non avranno piu` le frecce e cioe` quegli insulsi bastoncini ai lati del volante. Al vaglio anche una proposta di modifica al codice per il quale i vigili eleveranno una multa di 39 euro a chiunque usi ancora le frecce durante la guida. Bello no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *