Commenti recenti

Quelli che dicono “da gennaio”
ma poi non mantengono

Qualcuno ha detto che gennaio è il mese in cui è tutto un lunedì. Infatti di solito si dice: “Da lunedì comincio la dieta”, “Da lunedì vado in palestra”, “Da lunedì smetto di fumare”, “Da lunedì ricomincio”. Chissà poi perchè da lunedì e non da adesso? E’ una scusa, ovvio. Bene. A dicembre abbiamo detto tutti: “Da gennaio…”. I propositi. “Guarda da gennaio basta!”. Basta cosa? “Da gennaio vado in palestra due volte alla settimana, da gennaio vado a correre, da gennaio Parco Talon tutti i giorni, da gennaio eccetera…”. Dicembre è il mese della gran cioccata di piatti. Infatti quelli che dicevano: ”Da gennaio alla domenica mattina San Luca a piedi fisso”. E domenica non c’erano. Un po’ di raffreddore. Han detto che cominciano la prossima. Quelli che promettevano: “Comincio con la palestra” han poi raccontato che ci sono andati ma non c’era la signorina della segreteria che è in maternità. Quelli che hanno annunciato l’inizio della dieta hanno detto: “Spetta un attimo che ho da finire le ceste regalo che son piene di cioccolatini. Meglio che parta a metà mese”. Quelli delle diete sono fantastici. Al ristorante ordinano mezza porzione di tutto. Che non si è mai visto un ristorante che ti dà mezza porzione, te la dà intera o quasi, e buonanotte. A fine pasto poi non ordinano il dolce. Dicono “No, niente dolce, sono a dieta”, ma assaggiano sistematicamente tutti i dolci degli altri e alla fine ne hanno praticamente mangiato uno e mezzo. E a gennaio ci si iscrive. Ci si iscrive a tutto. E ci si va una volta, massimo due. E via con la scusa. “E’ un orario scomodo”, “Mi è venuto un mal di schiena”, “Ho fatto le analisi e han detto meglio niente sforzi”. Gennaio è pieno di iscrizioni farlocche, a vuoto. E’ pieno di pance che rimangono pance, di insalate mangiate due volte e basta, di libretti di Yoga sfogliati una volta, di acquisti da Decathlon di tute e intappi ginnici finiti in un cassetto (e fra dieci anni: “Eh vè, questa è quando avevo deciso di fare spinning”). Ci si mette da accordo fra amiche di solito per andare in palestra. Poi una delle due non viene e l’altra trova lo stupendo alibi per non andarci (“oh, non conosco nessuno…). Insomma, da gennaio niente pane, niente superalcolici, niente pasta, niente dolci, niente zucchero, niente carne, niente latticini. E a fine febbraio, quando dovrebbe essere un mondo di supereroi, con gli addominali scolpiti e la tuta di Batman o di donne che prillano in Galleria e diventano Wonder Woman, son tutti uguali a prima. E tutti che dicono: “Guarda, io da giugno giuro…da giugno…”    calendario-base-1gennaio2-1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *